sabato 1 agosto 2009

Mostrinostri


Ogni cento anni, nelle mie colline, un gallo abbandona il pollaio, si nasconde in qualche forra segreta e vi depone un uovo, facendolo covare poi per altri nove da un rospo . Ne schiude una creatura mostruosa, dalla lunga coda di serpente, ali membranose, testa e zampe simili a quelle del genitore. Può uccidere qualsiasi creatura vivente fissandola negli occhi da una distanza inferiore a diciotto metri. E' il Redabissi, signore e sovrano di tutti i rettili, che tiene soggiogati in virtù del suo potere assassino. Teme l'uomo da quando San Bovo, nella notte dei tempi, uccise uno di loro semplicemente ponendogli uno specchio davanti; e teme la donnola, che astutamente lo attacca saltandogli sulla schiena. Per queste ragioni vive nascosto, appollaiato tra le fronde di alberi altissimi, da cui comunica con i suoi sudditi mediante fischi e sibili laceranti; e per queste ragioni è assai difficile vederne qualcuno, mentre non è impossibile ascoltarne il verso sul fare dell'alba.
Si dice, ma non è provato, che i serpenti a lui soggetti gli svelino i segreti dei tesori custoditi nelle viscere della terra, e che sarebbe possibile diventare ricchissimi catturandolo e costringendolo a rivelarli. Ma ritengo questa una stampalata leggenda, perché quand'anche fosse possibile riuscire ad acchiapparlo vivo schivando il pericolo mortale del suo sguardo, è certo che non saprebbe esprimersi nella lingua degli uomini, nè questi sarebbero in grado di intendere la sua.

11 commenti:

byb ha detto...

da un uovo di gallo?
sembra una vicenda un po' intricata.

Gan ha detto...

L'uovo di gallo non serve a niente se non viene covato nove anni da un rospo. Sennò sarebbero capaci tutti.

byb ha detto...

un uovo di gallo, non è così scontato.
mi ricorda la famosa storia del gallo dalle uova d'oro sullo stretto. e la discussione tra i messinesi e i reggini per chi si debba prendere le uova.

Gan ha detto...

Non la conosco, quella storia lì: me la racconti? Ricordo, di Messina, solo la storia di Cola Pisci.

Poto ha detto...

Che delizioso animaletto da compagnia...

Omoeros ha detto...

ma l'uovo sarà di un gallo gay quindi?

Antonio ha detto...

Infatti... uovo di gallo? ma esce sempre da li? Perchè se non esce da li sarei più propenso a bere il suo tuorlo con lo zucchero la mattina.

Gan ha detto...

Beata ingenuità! Galli e galline hanno un pertugio solo!

Dudù ha detto...

Solo un pertugio? Perchè ne ho avuto uno che ne aveva sei

bardo ha detto...

Ecco un esempio di quanto le leggende popolari siano molto più immaginifiche dei film alla Harry Potter. In questo caso c'è addirittura una precognizione dell'origine,per cosi dire, "rettilinea" degli uccelli.Non male ;)
Swift

P.s:Un caro saluto a te Gan.Il tuo blog è davvero interessante.

Rosa ha detto...

Ma che delizioso animaletto...
Che se ne trovi qualche esemplare anche nei boschi dell'agordino?!
Bisous