domenica 18 ottobre 2009

Lettere minatorie


Ci hanno aperto i tiggì della sera, con tanto di faccette compunte e preoccupate degli speaker.
Sono fioccate le attestazioni di solidarietà da parte delle forze politiche e della Magistratura tutta.
Non sono mancati editoriali indignati ed articolesse pensose sui sempre più allarmanti segnali che lasciano presagire il rischio di una deriva terroristica, e che ovviamente accusano la Sinistra di aver "esasperato i toni della civile dialettica fra le parti".
Ma leggerla prima, la lettera delle Brigate Rivoluzionarie per il Comunismo Combattente-Sezione Giustizia e Rivoluzione ?
Bastavano frasi come
" Ai compagni del sud-italia dove avete un doppio nemico, non vi preoccupate questa volta la lotta s’intensificherà in tutto il paese. Signor Presidente Napolitano a lei non abbiamo nulla da dirle se non quello di fare lo stesso appello a colui che dirige la stanza dei bottoni per evitare stragi di civili inermi (e non certo da parte nostra)."

o come:

"Al Dottor Bertolaso vogliamo rassicurarlo che da parte nostra, non saranno toccate nei combattimenti le zone della provincia dell’aquila e di Messina e tutte quelle dove ci saranno zone ad allarme ambientale."
o ancora:
"Presidente Obama questa lettera è anche per lei. Non intervenite questa volta perché ce la caveremo da soli. Per quanto riguarda le basi Nato, se i suoi soldati le lasceranno liberamente, non sarà fatto loro alcun male ma sarà dato loro un lascia-passare per la Svizzera."

per capire al di là di ogni ragionevole dubbio che gli autori della missiva non possono essere che loro: i terribili fratelli Capone che il filmato d'apertura ritrae intenti alla loro attività criminosa.

A conferma di ciò riporto il testo di un'altra loro lettera, dove il confronto stilistico, lessicale e grammaticale li inchioda senza incertezze:

"Signorina,

veniamo noi con questa mia adirvi che scusate se sono poche ma 700 mila lire; a noi ci fanno specie che questanno c’e’ stata una grande moria delle vacche come voi ben sapete.: questa moneta servono a che voi vi consolate dei dispiacere che avreta perche’ dovete lasciare nostro nipote che gli zii che siamo noi medesimi di persona vi mandano questo perche’ il giovanotto e’ uno studente che studia che si deve prendere una laura che deve tenere la testa al solito posto cioe’ sul collo.;.;

salutandovi indistintamente

i fratelli Capone (che siamo noi)

Senza nulla a pretendere"

Resta un'ultima domanda da porci: come diceva Gene Gnocchi, " A chi giova tutto ciò? Cui proGest?"


7 commenti:

marcoboh ha detto...

perché una lettera minatora così, nessuno l'ha vista mai.
ma ve le ricordate le lettere delle br, quelle vere? erano sproloqui dottissimi e infarciti di retorica marxista, certamente opera di persone (molto) istruite: noi vecchi ce le ricordiamo bene. questa qui sarà opera di qualche scalzacani che al massimo può ambire a un posto di ministro: ché a noi non ce la dànno a intendere, a noi.

Poto ha detto...

Oddio, sono giuorni che non vedo uno dei nostri "liberi" tg, mi sa che mi sono perso qualcosa...

Per un attimo pensavo che questo post fosse una "brutta copia" per Madreee ;-)

Gan ha detto...

@ marcoboh: chissà da che sacco arriva, la FARINA di quella lettera, mah...

@ Poto: infatti! Mi stavo esercitando e cercando ispirazione.

Edgar ha detto...

Non avevo ancora letto il testo...
in effetti, credo che il cerchio dei sospetti si stringa: o i Capone, o Renzo Bossi.

Gan ha detto...

Bravo Edgar, una pista da non trascurare, quella di Renzo Bossi. In effetti la parola "zeramento" e l'accenno al "lasciapassare per la Svizzera" avrebbero dovuto farmi nascere qualche sospetto!

Rainbow ha detto...

O è una bufala autoscritta e autoinviata dai destinatari o è un poveraccio mitomane.Propendo per la seconda ipotesi, i primi avrebbero fatto un lavoro più convincente (a meno non si tratti proprio di Renzo Bossi).

Anastasia Beaverhausen ha detto...

(tu non mi hai visto, ecco sono già andato fffuuu)