lunedì 14 settembre 2009

Green Pride


E' sicuramente una cosa positiva che le minoranze possano manifestare per rivendicare accettazione ed integrazione. Meno bene che lo facciano esibendo sfrontatamente quella diversità che le rende tali, fra l'altro facendone motivo di ostentazione e di orgoglio. Ancora una volta il variegato popolo PLVT ha mancato l'occasione di accreditare la propria normalità, celebrando l'ennesimo Green Pride all'insegna della trasgressione, dell'eccesso sfrontato ed esibito, della provocazione. Ancora una grande ed irritante carnevalata, con personaggi vestiti nei modi più assurdi ed offensivi, con carri allegorici accompagnati da schiamazzi,


senza alcuna considerazione per i turbamenti che possono provocare ai bambini certe visioni inquietanti,



con gran profluvio di cartelli farneticanti


e di blasfemi dileggi a Santi Riti della religione Cattolica.


E come sempre loro, gli imbarazzanti leaders del "movimento", decisi a mantenere il proprio seguito esacerbando lo scontro, fomentando gli eccessi senza preoccuparsi del disgusto che possono suscitare.


Io penso che il popolo PLVT, se vuole davvero puntare alla propria accettazione, dovrebbe manifestare identità e rivendicazioni in modo ben più composto e serio. Giacca e cravatta ci vuole, non lo scimmiottamento del Carnevale di Bagolino.


Source: La Stampa.it

10 commenti:

Edgar ha detto...

...tremendo... :)

Rosa ha detto...

Sei meraviglioso, lo sai?!

(parola chiave mashteon... Il dialetto veneto è tra noi :D)

marcoboccaccio ha detto...

giacca e cravatta, ma senza gli occhiali da lina wertmuller che esibisce la maronessa...

Joshua ha detto...

Scusami l'ignoranza ma PLVT sta per?!

Comunque hai ragione su tutto!

Poto ha detto...

Ma organizzare un bel Mardi Gras come fanno in America (nello specifico a New Orleans) dove si hanno indosso costumi strani, ma durano molto poco addosso e soprattutto li indossano ragazzotti molto prestanti?!?!
No eh?!

Ognuno ha quel che si merita...

Gan ha detto...

@ Edgar: vero?
@ Rosa: sempre esagerata. Ma che vuol dire "mashteon"?
@ Marco: fosse possibile, anche senza la faccia della Maronessa!
@ Josh: Piemontese-LigureLombardo-Veneto-Trentino! ;-)
@ Poto: considerando la prestanza media dei Green, per loro meglio le celate, le armature medievali e gli elmi vichinghi!

Joshua ha detto...

Allora io sono il tipico loro esemplare (anche se non è il massimo!!!)...Ligure-Piemontese, vivo in Veneto e sono fidanzato con un Lombardo...devo cercare un aggancio in trentino :P

Rosa ha detto...

Mashteon non vuol dire niente, ma mi suonava così terribilmente veneto nel finale.
In ogni caso un "masteon" sarebbe una grande tinozza :)

lavecchiaMarple ha detto...

Ogni anno Venezia deve sorbirsi 'sta messinscena: e il bello è che stavolta oltre all'ampolla del Po c'era pure quella del Piave, che al massimo risulta sacro all'Italia e non alla Padania...

ErPupone ha detto...

Geniale Gan!