venerdì 21 novembre 2008

Secondo


Ci ho messo due anni a decidermi se farlo uscire. Sulle prime era fin troppo scontroso e selvatico, al punto da sembrare chiuso ed arrogante. Poi il tempo ha smussato le asprezze del suo carattere. Ha imparato ad aprirsi, ed ho capito che sotto la sua ruvida scorza c'era un cuore d'oro, e una natura calda, affettuosa ed un po' zuzzurellona. Niente fronzoli, è vero: ma sostanza, affidabilità, sincerità, calore. E anche, inaspettatamente, auto-ironia da vendere; e simpatia nascosta ma travolgente. La sua timidezza è solo apparente, lo si capisce dagli abbracci che sa dare: abbracci stritolanti, ma avvolgenti e teneri. Bacia da dio, e dopo ogni bacio le orecchie ti fischiano per un po', e le gambe fanno giacomo-giacomo, ma avresti voglia di ricominciare subito.
Ah, chi se ne intende dice che ha un gran nerbo, ma a me incanta proprio per la dolcezza che dimostra di avere, e che non ti aspetteresti da uno così.

13 commenti:

Sandrino ha detto...

Gan presumo sia sempre il vino perchè se fosse quel bell'ometto sarei molto invidioso ( se lo viene a sapere l'impareggiabile mi sgrida)

Edgar ha detto...

istintivamente preferisco questo secondo... il vino, certo, ma non solo quello...

Lore! ha detto...

oooh :)

ribaldo ha detto...

Ehi, ma allora provochi!
Va da sè che questo sarà il prediletto (da me di sicuro, ma anche da te, confessa!)
Spirito, forza e dolcezza, che vuoi di più?
...voglio fare giacomo giacomo con le gambe!!

Carlo ha detto...

Decisamente meglio questo (vino). Ma confidiamo che il primo crescendo possa assumere un aspetto meno leccatino.
P.S. l'impareggiabile non se la sente di sgridarti sandrone. E' invidiosetto pure lui!!

byb ha detto...

no, online non riesco a comprendere bene il significato di queste spiegazioni: se non provo non credo (o meglio non capisco)


urge degustazione real.

Antonio ha detto...

Vino?

Rosa ha detto...

Io concordo con Byb...
Le degustazione è d'obbligo ;)
Anche se leggendoti mi sembra di sentire il sapore del vino sulla lingua...
Slurp!

Asa_Ashel ha detto...

Evarista stava dicendo che, visto che hai nominato Giacomo-Giacomo, potresti darne uno a testa , ma Ildebranda come il solito fa la nobildonna difficile e dice che , No, no, un Giacomo così orsuto (nonostante il suo amore per i peluche) lei non lo vuole , e che Gan deve darsi da fare a creare qualcosa di più raffinato per lei , con retrogusto magari di sottobosco e di fragole che non stanno mai male .Aspetterà il terzogenito .
Evarista scuote la testa e decide che lo apprezzerà lei Giacomo-Giacomo in tutto il suo sapore ruspante .

Io bevo il mio the e osservo con curiosità questa filiazione che promette ottimi sviluppi .

Omoeros ha detto...

Ho già il bicchiere pronto :)

Gan ha detto...

@ Sandrino: è il vino, si. Ma il vino, quando è vino, per il miracolo della transustaziazione diventa persona e corpo. Però non essere invidioso, Secondo apparterrà equanimamente a tutti coloro che lo sceglieranno e decideranno di possederlo. E di capirlo.

@ Edgar: instintivamente anch'io preferisco Secondo, anche se a Primo mi lega un rapporto più complesso.

@ Lore: eeeeh :)

@ Ribaldo: demonio, come puoi conoscermi così bene? ;-)

@ Carlo: Primo non è "leccatino", credimi. Il suo fascino è acerbo, questo si, e scostante, e un po' ambiguo; ma anche conturbante ed intrigante. Ma immagino tu sappia che come i vini possono essere apprezzati alla stregua di persone, anche le persone possono essere apprezzate alla stregua dei vini.

@ Byb: prafrasando Totò, assaggiatelo, e diventerete amici. Quando e dove?

@ Antonio: si, vino. Cioè sangue, corpo, muscoli, emozioni, memorie, esperienze, alchimie, incantesimi...

@ Rosa: Quando e dove? (Repetita iuvant)

@ Asa_Ashel: un Secondo ciascuno non fa male a nessuno. Ma credo che la mia adorata Ildebranda con Terzo si troverà come un topo nel formaggio. Quando rinascerò, comunque, pretenderò di essere un produttore di the pregiati.

Gan ha detto...

@ Omoeros: per te doppia razione!!! :)

lavecchiaMarple ha detto...

Questo tipo di vino mi aggrada parecchio; oramai sono sulla strada dell' alcolismo...